Cos Davvero Una Tesi Di Grenbaud

La storia di lavoro da kiko

Il ramo principale dell'industria italiana - le costruzioni meccaniche - danno a 1/4 tutte le produzioni d'industria manifatturiera e vincono il primo posto su numero occupato (circa 2 milioni di persone). È capace di provvedere quasi tutti i bisogni essenziali del paese in auto.

Il potere del paese è basato su olio d'importazione, coke e carbone, il gas naturale e risorse dell'acqua. Sul potere di raffinerie di petrolio l'Italia fa avanzare altri paesi dell'Europa Occidentale. Sebbene in generazione di elettricità il primo posto sia vinto da calore combinato e centrali elettriche, anche la parte della centrale elettrica idroelettrica costruita sui fiumi Alpini è piuttosto grande. In Italia Centrale lavoro di centrali elettriche geotermico. Primi NPPs sono costruiti. Allo sviluppo di generazione di potere di produzioni electrocapacious considerevolmente è aumentato.

A causa di crescita di fusione di costruzioni meccaniche di metalli non ferrosi e ferrosi è aumentato. La metallurgia ferrosa è basata su importazione di scarti e ghisa, coke, minerale di ferro, i metalli leganti. Le caratteristiche di una fonte di materie prime intaccano la struttura e il collocamento delle imprese di questo ramo. La fusione d'acciaio molto più eccede la produzione di ghisa. Le più grandi associazioni sono situate nei porti di Taranto, Genova, Naples. Le imprese della metallurgia lavorante troppo sono costruite su impianti metalmeccanici grandi (in Milano, Torino.

L'industria chimica è basata su olio importato e phosphorites, Un gas naturale, zolfo e altre materie prime locali. I tassi alti il petrochemistry si sviluppano, la produzione di fibre di plastica e sintetiche sulla base di olio che si incrina particolarmente aumentato. La maggior parte parte di impianti chimici è situata in Italia Del nord, ma le nuove associazioni di petrochemistry sono state costruite anche in porti dell'Italia del sud.

L'Italia molto insufficientemente è anche irregolarmente fornita risorse di energia e la materia prima. Il gas naturale, le piriti, i minerali polimetallici, i sali di potassa, il cinabro da minerali del paese (i minerali a mercurio, l'asbesto e qualcuno sono distinti sul valore industriale o di esportazione. L'industria manifatturiera italiana è basata, prima di tutto, su materie prime d'importazione.

La metallurgia gravita principalmente o a porti attraverso quale le materie prime d'importazione e il combustibile per ramo, o ai grandi centri di costruzioni meccaniche, cioè a mercati di vendite. Il più grande e tecnicamente all'associazione "Findser". Quattro gran ferro e acciaieria - in Genova, Naples,, Taranto è il centro di ramo. La produzione principale che va al mercato mondiale, è un acciaio di foglio holodnokatany fluido.

L'industria di piombo dallo zinco ricicla minerali polimetallici importati e il locale, che arriva da campi all'isola di Sardegna e nelle Alpi. La fusione di zinco come più industria consumante il potere gravita a grandi centrali elettriche termiche o a grandi centrali elettriche idroelettriche. Conduca e gli impianti scioglienti sono situati vicino a campi sardi di minerali polimetallici.

L'industria chimica italiana lavora generalmente a materie prime d'importazione (principalmente è l'olio, il gas naturale, phosphorites, lo zolfo, la cellulosa, ma anche parzialmente usa anche proprie provviste di materie prime chimiche, prima di tutto il gas naturale, le piriti, i sali di potassa e lo zolfo.